un intenso fine settimana …


Questo che sta per passare è stato un fine settimana molto particolare che ci ha portati insieme ad un’altra famiglia di amici con bimba annessa a visitare uno dei posti più suggestivi ed emozionanti che io abbia mai visitato:San Giovanni Rotondo.

Sabato mattina siamo partiti presto per avvicinarci km dopo km verso l’hotel dove avevamo prenotato una stanza per il weekend. Il viaggio è stato spezzato facendo una piccola deviazioni verso Alberobello passando nella valle dei trulli che conosciamo benissimo viste le nostre visite nelle cittadine della Puglia dell’ultimo anno. La Puglia è veramente sorprendente per la bellezza dei paesini, del paesaggio ma soprattutto per il senso di accoglienza turistica delle persone! Quindi pugliesi tutti COMPLIMENTI!!!! Colgo l’occasione per dire che il paesino che più di tutti ci ha lasciati meravigliati e conquistati è stato Cisternino. Ricordo ancora i gruppi di artisti da strada che ci hanno dato il benvenuto tra musiche popolari e suoni strumentali veramente caratteristici che non avevo ancora mai sentito! Certo non dimenticherò le bombette (particolari involtini di carne) di una delle griglierie del paesino che se capitate da quelle parti non dovete perdete!

Ora torno al racconto di queste due giornate passate ….

Dicevo che la partenza mattutina ci ha dato l’occasione per fare un viaggio tranquillo e a misura di bimbe, le due che hanno reso ancora più speciale questo piccolo viaggio oltre regione!

Dopo una sosta automobilistica, che ci ha permesso di fare una passeggiata sul corso principale di Alberobello, ci siamo decisi a mangiare in un locale sperimentato da noi un anno fa e che si chiama “La Cantina”…Ve lo consiglio! E’ un locale molto caratteristico che dopo una ripida ma piccola gradinata ci ha accolti con pochi tavoli ed una cucina a vista deliziosa. Tutto è contornato da un bravissimo cameriere che ti accompagna tra i piatti del menù intercalando qualche consiglio sul da farsi per assaporare magari qualche piatto della casa da non perdere. Io consiglio, oltre all’antipasto della casa che quest’anno si basa sul contrapporsi di piatti caldi e freddi, il meraviglioso soufflè di cioccolato contornato da 3 ciuffi di panna montata e spolverata di zucchero a velo che ti fanno sentire come in paradiso.

Dopo aver preso la decisione di riprendere il viaggio, ci ritroviamo sull’autostrada e dopo qualche altra ora arriviamo a San Giovanni Rotondo. In uno di quei famosi fine settimana pugliesi ci eravamo spinti un giorno ad andare proprio lì dove ha vissuto per tantissimi anni uno dei personaggi di questo ultimo secolo: San Pio da Pietralcina. Ma eravamo arrivati nel tardo pomeriggio quando d’inverno alle cinque già tutto è buioi e non ti senti come fuori dal mondo ed in un altro posto. Quella stessa atmosfera la ritrovo anche sabato pomeriggio quando saliamo per dirigerci verso il Santuario e riusciamo senza trovare fila a visitare la tomba di San Pio. L’emozione è tanta e a stento riesco a trattenere le lacrime per quella vicinanza che sento e soprattutto per essere riuscita a ringraziare “di persona” una delle persone che mi hanno reso la vita più rosa in un momento in cui la vita mi sembrava si stesse interrompendo lasciando le persone più preziose!

Si dice che è difficile scrivere di emozioni provate quindi passo oltre e vi riporto alla nostra serata che materialisticamente si conclude davanti ad una pizza calda mentre imperversava fuori un vento freddo da temperature settembrine.

Naturalmente dopo tante ore di macchina il sonno e la stanchezza hanno fatto la loro parte e quindi distrutti ci diciamo buonanotte e ci abbandoniamo sui letti per ristorarci per la giornata successiva.

E’ domenica e quindi, dopo la colazione, lasciamo l’hotel e ci dirigiamo verso la nuova chiesa di San Pio quella progettata da Renzo Piano. Non vi descrivo la struttura perchè si vede spesso in televisione ma la bellezza e maestosità dell’opera culmina all’interno della chiesa dove è cominciata la messa e più di dieci mila persone sono in silenzio ad ascoltare la parola di Dio contornati da un capolavoro di arte moderna! Se non siete cattolici e praticanti … andate comunque a visitare questa “chiesa” e poi mi direte!

La giornata si è conclusa con il nostro rientro a casa dove ho subito rimesso i panni di mamma e moglie (ho fatto il bagnetto alla PiccolaPesteDiCasa, disfatto le valigie, raccolto dei panni stesi prima di partire e pensato alla cena e al post cena) ed ora di blogger in modo da trascrivere anche questi momenti speciali.

Buonanotte a tutti! 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...