Un bigliettino


E’ da ottobre che abbiamo inaugurato la stagione delle festicciole di amichetti vari della PPDC con mio sommo gaudio 😀 … Diciamo che nonostante veda ogni serata come possibile occasione di nuove conoscenze … quando la prassi della festa dei bambini comincia ad avvicinarsi ad uno standard commerciale … beh comincio ad innervosirmi.
Ricordo quando ai miei tempi (e giuro non sono così lontani!!!) non c’erano animatori o spettacolini vari eppure il divertimento era tanto e gustoso 🙂 … ma è vero che tutto cambia e si trasforma ma non standardizzato per carità!!!!!
Comunque, dicevo, che aperta la campagna “andiamo mamma ad una festa di un/una amico/a” si è aperta anche quella del “ora pensiamo al pensierino da fare” 🙂 . Una volta comprato il regalo però sto abituando la PPDC ad elaborare un bigliettino di auguri fatto con le sue manine e colori vari 🙂 (è bello aggiungere delle parole ad un regalo!)
E’ un divertimento per me vederla all’opera e sentirle dire “allora mamma avrei pensatooooo“. L’ultimo sfornato è stato per il compleanno di ieri sera ed ha subito cominciato dalla busta dove dietro ha scritto il nome della festeggiata (ricopiato da lei da un fac-simile scritto da me su un altro foglietto) usando ed abbellendo i caratteri in maniera veramente creativa. Ha cominciato con il ricopiare il nome e poi creando intorno alle varie lettere una cornice lo ha riempito di colori vari. Ma non si è accontentata di questo … eh no (!) è mia figlia cari (!!!!) ed allora ha preso i vari rotoli di immagini attacca&stacca e seguendo una logica ha decorato la parte frontale della busta che da bianca è diventata “sbrilluccicosa” e colorata.
Infine, è passata all’ultima fase quella della scelta della frase (riportata dalla sua mamma) firmata da lei (!!!) e del disegnino pensato ed elaborato con fantasia eccezionale. Il soggetto ultimo scelto … dei palloncini colorati sorridenti portati da orsetti attacca&stacca.
Ditelo dai!! Come faccio a non essere FIERA di questa piccola creativa!!!!! 🙂

Annunci

11 thoughts on “Un bigliettino

  1. ma certo che devi essere fiera….ma poi fate cose meravigliose insieme!!!
    mi fai avere “invidia” della femminuccia…anch’io la volevo…ma sono arrivati due maschietti, due pesti!!
    però in compenso mi godo l’affetto che nutrono i maschi per la mamma!! 🙂

  2. Beh si, i maschietti sono mamma-dipendenti fino ad una età avanzata 😀 ! Ma l’importante, secondo me, è individuare le propensioni naturali e potenziale … c’è un articolo sul matrimonio che aiuta in questo senso 🙂
    Buona giornata Kia.

  3. Buon giorno, Lady @Soli, a te ed a tutte le tue Amiche/Amici che frequentano questo tuo delicatissimo Spazio !
    Qui da me sul Porto di Anzio, una cittadina a due passi da Roma, la mia amatissima Città natìa, splende un sole pieno e incoraggiante, quasi che l’ Autunno morente volesse salutarci con uno scampolo d’ Estate, ed il tempo mi sorride riscaldando quella parte dentro di me non restìa alla malinconia .
    Cosi vorrei che fosse per te e per tutti/tutte !
    Leggo questo tuo tenero Post ( non sò cosa o chi sia PPDC, ma intuisco che si tratti di tua Figlia ) e, se mi è permesso dirlo, credo che Tu debba essere ‘obiettivamente’ FIERA di quanto fai o ti sforzi di fare con lei : cercare di estrarre da un Bambino, o da chiunque, la ‘creatività originale’ che ognuno indubbiamente possiede è cosa meravigliosa . Poichè da una parte fà crescere l’ interlocutore, e dall’ altra lo si abitua a non adagiarsi sul consumismo che ‘uccide’ la parte migliore che abbiamo, omologandoci tutti ad un modello tanto effimero quanto peggiorativo della nostra personalità, che è ‘unica’ e bella .
    Inoltre, mettendoci noi a confronto, sinceramente e lealmente, con un interlocutore ( Figlio, allievo, o chiunque altro venga ad avere un rapporto più o meno stabile con noi ) che sia predisposto ad apprendere, ad ascoltarci ( condividendo o contrastando, spontaneamente, quello che gli diciamo ) ed a farci avere sempre, su ciò che discutiamo o stiamo realizzando, il suo “parere originale”, veniamo a trovarci nella situazione di guardare le cose dal “suo punto di vista”, dal punto di vista della “sua generazione” , dal punto di vista del “suo mondo interiore o materiale” .
    Può accadere, che in questo confronto sincero ( in cui non manca l’ affetto ! ), alcune delle nostre sicurezze e dei nostri valori vacillino, o addirittura si frantumino fino a svanire, ed il ‘nostro peso’ in tal caso , valutato su una bilancia ideale, “diminuisce” sensibilmente !
    Ma se negli ‘spazi vuoti’ che si sono creati dentro di noi, arcanamente entrano i valori dell’ altro, noi su quella stessa bilancia “cresciamo” in modo prodigioso !
    E’ quello che io chiamo “il crescere in diminuendo”, ed è il metodo che usava l’ amatissimo Socrate . Esso ci consente di “aiutare chi amiamo” a crescere con le sue forze, estraendo da sè stesso ogni sua potenzialità, e tutta la parte “originale” che è in lui, allontanandolo in tal modo dalla “miserabilità del consumismo”, che non soltanto non ci fa crescere mai, ma addirittura distrugge la parte più nobile ed alta che ciascuno serra nel petto !
    Per questa ragione, quello che stai facendo con tua Figlia merita un elogio incondizionato, Lady @Soli, un elogio che deve renderti orgogliosa e spingerti a comportarti sempre così !
    E’ questo il Viaggio,
    ed è il mio e di tanti !

    Ps. Ti chiedo scusa, per la lunghezza del commento, ma non potevo fare diversamente dato l’ argomento meraviglioso che hai aperto .

  4. @cavaliereerrante:“il crescere in diminuendo” … beh chiamatemi Socrate allora 😀 A parte le battute, è così che intendo crescere nella conoscenza delle cose (solo fino a che non sarà in grado di farlo da sola!) mia figlia (PPDC è un’abbreviazione che uso per “PiccolaPesteDiCasa” e cioè la gioia della Vita mia e di mio marito!) … e spero che sia la direzione giusta esclusivamente per il suo BENE in senso lato! Poi leggo che vivi vicino Roma….ho vissuto quasi un anno a Roma e lì, come ho scritto in altri post precedenti, ho lasciato un pezzo di cuore. Per “fortuna” (per controlli vari) devo risalire nella capitale ogni tanto e la cosa mi rende più dolce il viaggio 🙂 chissà che in questo nostro errare non ci si possa incontrare in prossimità di qualche landa :). Grazie mille per i complimenti quasi quasi arrossico 🙂

  5. @Heka … troppo troppo buona!!! Nel mio piccolo spero di “passarle” l’amore per tutto ciò che è creativo 🙂

  6. condivido il pensiero del cavaliere errante@,
    uno degli aspetti del blog, almeno nelle mie intenzioni, è proprio quello della condivisione,
    leggendo svariati blog apprendo tante cose e spero io di dare altrettanto,
    non amo i blog che vogliono solo mostrare cultura o altro, mi piace che ci sia un racconto di emozioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...