Diario scolastico “casalingo”


Principesse DisneyPer ovviare ad un difetto di comunicazione (…cavolo quanto la vita lavorativa mi ha contagiata!??!?!!) tra me e la PPDC, per il quale non riuscivo a “cavare” nessuna informazione relativamente a quello che faceva durante le ore di asilo, l’altra sera ci siamo dirette verso la cartoleria vicino casa.
Dopo aver attentamente valutato la grandezza, il colore ma soprattutto la grafica dell’oggetto dei desideri, la PPDC sceglie il diario scolastico delle Principesse Disney.
Torniamo a casa e naturalmente si devono riempire i campi della prima pagina in cui si scrive di chi è il diario. Su un foglio di carta le scrivo i dati da inserire e lei, con mia grande sorpresa e molta attenzione, riesce a riprodurli non uscendo fuori dalle righe così strette per una bimba abituata a scrivere su fogli grandi!
E’ uno spettacolo per me vederla all’opera attenta e piacevolmente impegnata 🙂
Grazie a questa personale trovata (ancora gongolo 😀 ) sono già due giorni che finalmente so quello che mangia (ieri ha bevuto persino un bicchiere di latte bianco che a casa rifiuta!!!!…dovevate vedere il sorrisetto furbo che aveva quando me lo raccontava!!!!) e cosa ha imparato nella giornata passata finalmente da LEI e non da altri.
Tutto ciò non lo faccio per controllare mia figlia o l’operato della maestra che adoro, ma semplicemente per riuscire a parlare con la piccola di casa e farle capire quanto sia importante LEI e tutto quello che fa anche fuori da casa.
Ma secondo voi esagero?

Annunci

13 thoughts on “Diario scolastico “casalingo”

  1. secondo me non esageri affatto!
    nella vita si cerca di comunicare con gli altri, questo lo si fa in varie forme,in vari modi(sguardi, parole(a volte urla!),gesti …come nel tuo caso con dolci attenzioni!), alcuni capiti, altri troppo invadenti,altri ancora mai scoperti….
    il tuo modo di cercar un contatto con la PPDC è solo un modo particolare di coccolare lei,rendendo felice anche te!non le stai addosso,non le metti ansia,e non le causi imbarazzo con le altre bimbe….dunque PREOCEDI!
    🙂

  2. @Heka: Grazie per il supporto morale 🙂 ! Essere mamma significa per me non oltrepassare mai il confine della libertà della PPDC … ognuno deve avere la sua individualità anche a 5 anni 🙂

  3. Buondì carissima! E’ importantissimo quello che fai e assolutamente non esageri. Con il mio cucciolo di 9 anni è un pò un problema per me sapere cosa fa a scuola, perchè non mi racconta mai niente. Spesso vengo a sapere dalle altre mamme cosa è accaduto in un determinato giorno, o cosa hanno combinato in un’altro…. Lui mi dice solo :- tutto bene.- Mah… Con la cucciola di 6 anni, invece, ho il problema opposto: parla, parla, parla… alchè sono io a volte a doverla frenare perchè mi perdo e a volte non ci capisco proprio niente! (Considera che ho l’orecchio destro “disturbato” da un acufene molto forte e spesso mi arrivano “parole” contorte che non riesco a capire….)
    Per la tablet, mi dici quale hai tu? Sai dove ne posso beccare una buona e conveniente su internet? Così dalla settimana prossima ci si “sintonizza”…
    Ciao carissima, a lunedì!

  4. anch’io adoro i diari!!!
    non credo che tu stia esagerando, anzi!!!
    questa cosa la facevo anch’io con mio figlio ma sai i maschietti sono un po’ restii a queste cose, forse per le femminuccie è più nelle loro corde!
    Trovo sia un bel modo di comunicare senza opprimere!

  5. no fai bene anche con First era ed è una lotta sapere cose fà lontano da me riesco a sapere qualcosa solo la sera quando ci mettiamo nel letto e rigorosamente se non gli chiedo niente sennò è muto come un pesce!

  6. Nò, non esageri, Lady @Soli, assolutamente nò !
    Perchè ? Perchè intanto hai assecondato il piccolo desiderio di tua Figlia acquistandole il Diario “che voleva proprio lei” ( e se rivai indietro con la memoria e ti rivedi a quell’ età, o ancora più avanti, potrai capire quanto “questo personale gusto” del proprio Diario sia importante ! ), poi, tornate Tu e lei a casa ‘come due amiche’, hai fatto scrivere a lei stessa i “suoi dati” nel Diario . Questo evidentemente l’ ha inorgoglita e l’ ha sollecitata ad impegnarsi ‘da sola’, per far vedere all’ “Amica” Mamma quali fossero i suoi progressi scolastici .
    E così, agendo “da Amica”, lei ti ha potuto dare informazioni sulla sua vita scolastica, dando ‘all’ Amica’ anche quelle che prima non dava alla Mamma, considerandole evidentemente solo ‘le consuete informazioni da reiterato interrogatorio materno’ !
    Continua così, Amica mia e, senza ovviamente allentare il controllo su tutto ciò che avvenga intorno a tua Figlia ‘fuori di casa’ ( ma senza che lei se ne accorga ! ), vedrai crescere lei e crescere te, come Mamma e come Donna !

  7. @supermamma:è veramente una “lotta” con se stesse tra mamme-figlie (visto che fino a qlk anno fa lo si era e si sa cosa non si sopportava dei propri genitori 🙂 ) e figli … ma credo che non sia un bene nemmeno stare lì e ripetere continuamente domande a mò di interrogatorio soft!
    @cavaliereerrante: come al solito 🙂 tu centri il punto della questione! E’ vero, in me c’è la forte dualità di sentirmi una Mamma e un'”Amica” e cioè una Mamma con cui parlare di (quasi) tutto (anche qui ci sarebbe da parlare ore e ore … perchè il privato dei propri figli deve esserere sacro anche per una mamma o un genitore in generale!) e che c’è anche se lavora tutto il giorno. E’ un grande sacrificio per una mamma di oggi stare lontana dai figli proprio perchè si ha paura di “mancare” in momenti importanti. Ecco perchè non sono d’accordo quando sento la frase “è importante la qualità e non la quantità”. Per me è importante la quantità di qualità soprattutto quando i propri figli sono piccoli e fisicamente ancora bisognosi della vicinanza fisica dei propri genitori.

  8. E’ verissimo, Lady @Soli, e concordo con te : quel che occorrerebbe con i Figli piccoli, al di fuori dei luoghi comuni e delle frasi fatte, è proprio “la quantità di qualità” !
    Più riusciamo a dargliene, più li aiutiamo a crescere, sempre ovviamente in armonia, ahinoi, con le nostre ‘oggettive incombenze di lavoro’ .
    Ma ogni volta che queste ce lo consentano, è cosa apprezzabile continuare a dar loro, senza prevaricarli e senza farne “dei piccoli geni”, la maggior quantità di qualità che ci sia possibile !

  9. Buondì Solitamente… ho visto il video. Molto carina. Entrerò nel sito per approfondire la cosa e la ordinerò…
    Il raffreddore c’è sempre, ma sto correndo comunque.
    Correre al freddo è meglio che correre in estate. Almeno… per me è moolto meglio!!! resisto di più.
    A presto!!!

  10. @Mapy:appena fai l’acquisto … ci si mette d’accordo magari via telefono 😉 su come procedere in questa nuova avventura 🙂
    @kia:anche io ho scritto un diario della mia gravidanza e di quello che accadeva prima e dopo il mio parto. Spero un giorno di regalarlo alla mia PPDC per farle capire quanto l’abbiamo aspettata e amata da “sempre” 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...